L’editing di manuali di giochi in scatola

board-game-3024839_1280

Tra le varie forme di scrittura e all’interno della grande famiglia dei lavori di “aggiustamento” dei testi può capitare anche di dover editare manuali illustrativi di giochi in scatola.

Ebbene in questo caso non si potrà fare esclusivamente una revisione bozze “classica” in cerca di refusi o errori sintattico-grammaticali ma si dovrà stare attenti a tutta una serie di altri elementi:

  • le istruzioni del gioco sono coerenti e comprensibili per l’età cui il gioco si rivolge? Se stiamo scrivendo per un prodotto rivolto ad un destinatario di 6-7-8 anni che non sa ancora o incomincia appena a leggere dovremo trovare delle parole, dei modi di spiegare che saranno consoni al rispettivo vocabolario e in generale a quello specifico momento di sviluppo cognitivo e comunicativo.
  • I giochi funzionano? Sembra una domanda sciocca ma se metto un gioco di carte dove manca una carta, dove stabilisco che si possa giocare con più giocatori (e lo dico a chiare lettere anche sulla scatola di copertina) ma il gioco torna solo per 2 giocatori, ecco in tutti questi casi a “pagare il conto” saranno i giocatori (e l’editore in termini di percezione di affidabilità).
  • I giochi sono completi? Cosa accade se nelle istruzioni dico di utilizzare un dado o di mettere delle fiches per marcare le caselle del tabellone ma il dado e le fiches non sono compresi nel materiale della scatola?
  • La testa dell’autore non è la testa del giocatore. Un autore di giochi in scatola, magari arrivato alla sua ventesima creazione, in qualche caso può non riuscire a “tradurre” le istruzioni in un significato comprensibile per il giocatore e magari finisce per saltare delle connessioni logiche che gli sembreranno ovvie ma non lo sono per chi quel gioco lo deve apprendere per la prima volta. Va anche considerata la specificità della coorte di età: un esempio può essere che se utilizzo un’espressione del tipo “si procede come nel gioco X” ma il gioco X nel 2017 non è più utilizzato o non è noto il nostro esempio non servirà.
  • Non dare nulla per scontato. Se scrivo nel mio manuale “procedete come si fa nel gioco della tombola” e non spiego cosa si deve fare nel gioco della tombola, ecco, ok che quasi tutti conoscono come si gioca a tombola ma il “quasi” ha la sua importanza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...